La Farina di Carrube

Il Cacao fa, aimè, parte degli alimenti da evitare in caso di fibromialgia. Questo perchè con un un processo infiammatorio in atto, il cacao non farebbe altre che esasperare l’infiammazione.  L’alternativa davvero molto valida è la farina di semi di carrube, è molto molto simile e contiene anche tante proprietà nutritive.

PIU’ CHE UN COMUNE FRUTTO, UNA MAGNIFICA RISORSA

Che le carrube rappresentino un’ottima risorsa alimentare è cosa risaputa. Rinomata anche la farina di carruba, un’alternativa al cacao e non solo. Le carrube sono il frutto spontaneo del carrubo, un albero sempreverde che dà origine a baccelli simili a fagioli, all’interno dei quali si trovano i semi di carruba che vengono impiegati per la preparazione della relativa farina.

BUON SOSTITUTO DEL CACAO

La farina di carruba è ricca di zuccheri naturali e di carboidrati, ma povera di grassi. A differenza del cacao in polvere, di cui è considerata un sostituto ricordandone il sapore, essa non contiene caffeina. 100 grammi di farina di carruba forniscono al nostro organismo 380 calorie.

PROPRIETA’ DELLA FARINA DI CARRUBE

La farina di carruba, essendo un alimento vegetale, non contiene colesterolo. Su 100 grammi di prodotto, soltanto 1 grammo è costituito da grassi. Il contenuto di proteine è pari a 4 grammi per 100 grammi di farina. Nella stessa quantità di prodotto sono presenti 40 grammi di fibre vegetali e 49 grammi di zuccheri naturali.
La farina di carruba presenta un contenuto pari al 30% del fabbisogno giornaliero di ferro ed al 45% del fabbisogno quotidiano di calcio. Essa contiene vitamine del gruppo B, vitamina A, magnesio e potassio.
Diversi studi sono stati condotti sui semi di carruba da cui la farina viene ricavata, al fine di individuarne le proprietà benefiche per la salute. Ad essi sono state attribuite proprietà antiossidanti, ipocolesterolemizzanti (riduzione delle concentrazioni ematiche di colesterolo LDL), e sazianti (in grado di ridurre la velocità di svuotamento gastrico e dunque di prolungare il senso di sazietà).

dal sito: http://valdovaccaro.blogspot.it/2013/06/le-carrube-e-la-vitamina-b12.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *